Trilobiti #152 A ‘na prustituta

A ‘na prustituta

A ssedé, bbuscata

da lu vardacchì’ de la notte,

le vraccia a pennoló’ come se rrotte;

sopre a lu calendariu le ‘mbronde de le scarpe

mendre le mane sogna un focu de saccocce.

Pure per ógghi ‘ppicchi le paure

su la striscia de mezzeria de la statale,

sperenne che se sciucca prima de matina

quanno le jarrai a ‘rcoje

pé’ non zinditte male.

…e mendre che fissi lu cielu

che in un lerciu parcheggiu te sversa,

‘mmagini e vedi ‘na scala

che porta a ‘na vita diversa;

vurristi zumbà’ pé’ ‘cchiappalla,

‘fferralla, scuprì dó’ è che va,

ma a zzambe rraperte nisciuna

po’ dasse la spinda e zzumbà’…

Ad una prostituta – Seduta, nascosta/dal baldacchino della notte,/le braccia penzoloni, come se rotte;//sopra al calendario le impronte delle scarpe/mentre le mani sognano un fuoco di tasche.//Anche per oggi appendi le paure/alla striscia di mezzeria della statale,/sperando che si asciughino prima di mattino /quando le andrai a raccogliere/per non sentirti male.//…e mentre fissi il cielo/che in un lercio parcheggio ti scarica,/immagini e vedi una scala/che porta a una vita diversa;//vorresti saltare per acchiapparla,/afferrarla, scoprire dove va,/ma a gambe aperte nessuno/può darsi la spinta e saltare…

Gianluca D’Annibali – Poesia Neodialettale. Editore PeQuod

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...