Trilobiti 188# C’è chi

ws3501

C’è chi meglio degli altri realizza la sua vita.
E’ tutto in ordine dentro e attorno a lui.
Per ogni cosa ha metodi e risposte.
E’ lesto a indovinare il chi il come il dove
e a quale scopo.
Appone il timbro a verità assolute,
getta i fatti superflui nel tritadocumenti,
e le persone ignote
dentro appositi schedari.
Pensa quel tanto che serve,
non un attimo in più,
perché dietro quell’attimo sta in agguato il dubbio.
E quando è licenziato dalla vita,
lascia la postazione
dalla porta prescritta.
A volte un po’ lo invidio
– per fortuna mi passa.”

da “Basta Così” di Wisława Szymborska

Trilobiti 187# Linee

Non c’è niente da fare in questa cazzo di città.”
Rivede se stessa da adolescente, la voglia di grande città, di evadere dalla quotidianità. Poi il tempo smussa gli angoli più sporgenti della personalità, portando a una specie di omologazione a cui tutti si adeguano. Quasi tutti: i delinquenti e gli artisti no.

Roberto Sturm – Linee

Trilobiti 186# Che ognuno sia se stesso

25741338

“Io non sono di nessuna fede. Perché io a nessuno, a nessuno credo, tranne che a me stesso” sempre rapido e risoluto rispose il vecchio.
“Ma come si fa a credere a se stessi?” disse Nehljudov intervenendo nella conversazione. “Ci si può sbagliare.”
“Nemmeno per sogno” rispose deciso il vecchio scuotendo la testa.
“E allora perché di fedi ce ne sono diverse?” chiese Nehljudov.
“Di fedi ce ne sono diverse perché la gente crede agli altri e non a se stessa. Anch’io credevo agli altri, e mi ero smarrito come in una foresta; mi ero così imbrogliato, che non credevo più di tirarmene fuori. E vecchi credenti, e nuovi credenti, e subbòtniki, e hlysty, e pòpovcy, e bespòpovcy, e avstrijaki, e molokane, e skopcy. Ogni fede non fa che vantare solo se stessa. E così si ritrovano tutte ad annaspare, come cagnetti ciechi. Le fedi sono tante, ma lo spirito è uno. In te, in me, in lui. Vuol dire che ognuno deve credere al suo spirito, e allora tutti si ritroveranno uniti. Che ognuno sia se stesso e tutti saranno una cosa sola.”

Lev Tolstòj – Resurrezione