Il Vocaboletano – 8 -# o’ Panaro

Siamo arrivati all’ottavo appuntamento con la nostra rubrica dialettale, il termine che ho scelto per voi questa settimana è:  o’ panaro. Dal latino panarium, ossia paniere,  cesta di pane.  Il panaro classico è quello di vimini intrecciato.

cesto

E voi vi starete per caso chiedendo: ma quante volte una persona comune usa un panaro nell’arco di una giornata o di una settimana? Domanda lecita, e la risposta che posso darvi io, è che se vivete in campagna come me, allora lo usate quasi quotidianamente per raccogliere verdura o frutta dall’orto, ma se vivete anche in città, nello specifico a Napoli, nel centro storico, vi assicuro che un panaro può salvarvi la vita, o almeno può risparmiarvi un’enorme fatica ogni giorno. I cosiddetti panari cittadini di oggi si sono giustamente adattati ai tempi, si sono evoluti, sono diventati di plastica resistente e sono di ogni colore possibile. Questo vocabolo mi è caro, perché quando vivevo a Napoli, il panaro era un fedele compagno di ogni abitazione, legato da una cordicella alla ringhiera dei balconi, dal primo piano in su, al secondo, al terzo e su su, fino ad arrivare ai piani più alti, nei palazzi dove non c’è l’ascensore ed ogni scalino vale per tre,  il panaro diventa  indispensabile,  un piccolo montacarichi per la spesa e le necessità quotidiane. In passato le massaie “acalavano”, ossia facevano scendere il panaro con dentro i soldi richiesti per la merce acquistata, e i venditori ambulanti mettevano nel panaro i prodotti acquistati.  Un modo di dire popolare, che io uso molto spesso è: Avimmo perduto a Filippo e o’ panaro la cui traduzione letterale può essere sintetizzata in “Abbiamo perso Filippo e la cesta”. Con questa espressione,  si vuole indicare una situazione di incertezza in cui, il troppo indugio, comporta una perdita di entrambe le scelte a disposizione, comportando così, oltre al danno, anche la beffa. L’espressione si fa risalire ad un’antica farsa pulcinellesca che racconta che un nobile di nome Pancrazio, dopo aver affidato una cesta piena di cibo e leccornie al suo servo Filippo, si dirige verso casa aspettando l’arrivo dell’uomo. Una volta in possesso della prelibata cesta però, il malfido servo Filippo, in compagnia dei suoi amici, se ne andò a spasso per la città divorando tutte le prelibatezze contenute nella sporta. Una volta dilapidata ogni pietanza Filippo, intimorito dalle possibili reazioni del padrone, si diede alla fuga, lasciando il padrone tradito e affranto a crogiolarsi nel dolore di aver perso oltre al servo, un’intera cesta di cibo. Quindi se stai indugiando tra due possibili scelte e nel frattempo le perdi entrambe, puoi tranquillamente dire:” ho perso a Filippo e o’ panaro”.

Panaro però ha anche un’altra accezione nel nostro dialetto, ed è il fondoschiena,  il lato b,  0’culo!

Quindi se qualcuno ti dice: che bell’ panaro ca tien! ti ha appena detto che hai un bel lato B.

Se invece hai appena vinto un ambo sulla ruota di Napoli, allora “tien proprio nu panaro gruosse assaje”, ossia hai avuto una gran fortuna, per dirla un pò più elegantemente!

E per finire: un panaro piccolo è detto “panariello”, come il comico toscano, ma il panariello nello specificio è il cestino che contiene i numeri della tombola!

panariello

Lascio il testimone al gattosocio Gintoki, sperando di non avervi annoiati.

Buonanotte a tutti!

Annunci

21 thoughts on “Il Vocaboletano – 8 -# o’ Panaro

  1. Gintoki ha detto:

    L’ha ribloggato su Shock Anafilatticoe ha commentato:
    Siamo arrivati all’ottavo appuntamento col Vocaboletano! Cosa uscirà stavolta dal panaro? Come? Cos’è il panaro? Beh allora vi toccherà leggere per forza l’articolo!

  2. ElenaRigon ha detto:

    Che strano…! Nel Veneto il panaro è il tagliere su cui si rovescia la polenta, o dove ti servono la pizza battuta.
    Ma il secondo significato, quello del lato B, è invariato!

  3. ysingrinus ha detto:

    Ha capito questo panaro quante cose nasconde?

  4. Emanuela ha detto:

    complimenti!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...