I light U

Se per caso vi trovate nei pressi del Passante ferroviario di Porta Venezia a Milano, vi consiglio di rallentare il passo e di darvi il tempo di godere di una mostra fotografica, realizzata proprio in quel posto da un gruppo di fotografi creativi, uno dei quali è un mio carissimo amico. Non vedrete soltanto foto, ma camminerete per un attimo a fianco delle persone fotografate, che hanno raccontato la loro storia che farà da cornice alla loro immagine ritratta dal fotografo.

PIZ_3875

Se vi va di saperne di più, date un’occhiata al progetto cliccando sul link di seguito:

I light U

FRAMES FOR UNDERGROUND STORIES
Un progetto di fotografia narrativa di BarettoBeltrade

Il progetto
Un tunnel sotterraneo nel Passante ferroviario di Porta Venezia, a Milano: le persone passano in continuazione, ognuna proviene da un punto e va in un altro punto su una linea che ogni volta collega lavori, amori, doveri, desideri, divertimento, amicizie, impegni e mille altre cose. Infiniti punti, infinite linee: un tessuto sterminato che non si può calcolare, si può solo immaginare, anzi si può riassumere per immagini.
“I light U – Frames for underground stories” costruisce uno di questi possibili riassunti: nell’arco di alcune settimane, tra dicembre 2016 e marzo 2017, chiediamo alle persone che passano in quel punto di fermarsi e di raccontare il percorso che stanno facendo, di spiegare cosa c’è a un capo e all’altro di quella linea che stanno percorrendo e di lasciarci un’immagine, un ritratto fotografico. Poi ognuno riprende il suo viaggio: ma in quel punto della stazione resterà la mappa dei percorsi e la collezione delle storie e dei ritratti che sono stati illuminati in quel momento.

An underground tunnel in the bypass “Passante di Porta Venezia”, in Milan: people come and go all the time, each of them is coming from a point and goes to another point on a line that connects jobs, loves, duties, wishes, fun, friendships, commitments and a thousand of other things. Infinite points, infinite lines: an endless fabric that cannot be calculated, you can only imagine, or you can summarize it with pictures.
“I light U – Frames for underground stories” builds one of these possible summary: within the time frame of a few weeks, between December 2016 and March 2017, we ask people passing by to stop and tell the path they are on, to explain what’s at both ends of that line; then we ask them to leave an image, a photographic portrait. Afterward, each of them resumes his journey: but at that point, at the bypass, there will be the map of all the routes and the collection of all the stories and portraits that were lit at the time.

mostra

Annunci

2 thoughts on “I light U

  1. ilgattosyl ha detto:

    Il passanto credo rimanga ancora un oggetto misterioso per i milanesi, abituati alla metrò tradizionale e alla sua iconografia colorata (nero+rosso, nero+verde, nero+giallo e nero+lilla…perchè il nero alla fine c’è sempre) e non a questi treni che attraversano la città. Penso sia più familiare ai pendolari che provengono dalle cittadine limitrofe. Però se mi capita…un giro ce lo faccio di sicuro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...