Il Vocaboletano -20#- Pucundrìa

Buonasera linguisti! Siamo già arrivati alla ventesima parola di vocaboletano! Non potevo non farvi conoscere questo nuovo termine che è: a’ pucundrìa! per la traccia audio cliccate quì.
Veniamo al significato! Son certa che state pensando che il significato sia IPOCONDRIA, poichè la pronuncia è quasi simile al nostro termine ipocondria, ma in realtà vuol dire tutt’altra cosa.
Se si dice di qualcuno che “ten’ a’ pucundrìa”, vuol dire che sta soffrendo di una forte nostalgia, che è affatto da un senso di malinconia, che non può essere neanche definito tale, un misto di tristezza, che non è solo tristezza, di noia, di insoddisfazione, di mal di vivere, di solitudine, metteteci dentro tutti questi aspetti e viene fuori ‘a pucundrìa.
Io stessa l’ho provata molte volte, uno stato d’animo senza contorni, ma molto, molto profondo.
Pino Daniele ha scritto una canzone sulla pucundrìa.

Appocundria me scoppia / ogne minuto mpietto /pecché passanno forte / haje sconcecato ‘o lietto /appocundria ‘e chi è sazio / e dice ca è diuno /appocundria ‘e nisciuno… / Appocundria ‘e nisciuno.” Per sentire l’audio cliccate quì.
Qualcuno per spiegare questo vocabolo, lo ha accostato alla Saudade portoghese o alla Sehnsucht tedesca, ma a’ pucundrìa, rimane pucundrìa, e forse a spiegarla le si vogliono disegnare quei contorni che in realtà non ha, e proprio non avendoli la fanno essere quella che è: pucundrìa e basta!

Annunci

9 thoughts on “Il Vocaboletano -20#- Pucundrìa

  1. Transit ha detto:

    ‘A pucundria è ‘o core avvezziato d’o bene e ll’ammore e p’a mancanza ‘e chi se vo vicino, pure e spicialmente quann’ se ne gghiut’ o pare ca ritorna quanno spont’o sole e ‘a luna è talmente esagerata ca te miett’ paura ‘e ce parlà.

  2. Transit ha detto:

    Crisà, la voce nella traccia audio è la tua? Lei, la Voce, ha un che di deciso e sensuale. Di certo saranno gli alberi, il fogliame e i fiori selvatici. Starnuti compresi.

  3. TADS ha detto:

    praticamente uno scazzo plumbeo, accidioso e amorfo???

  4. Transit ha detto:

    Crisà, ti offendi o ti ingelosisci, e poi le dai il permesso, se di tanto in tanto io e la tua Voce ce mittimm’ ‘a parla sott’e stelle cu ddurece tarall’ nzogne e pepe e ddoje giuarr’ ‘e birra spillata. Aropp’ se ti va una vodka nun ce stann’ problem’, vir’ tu. Oggi song juto ncopp’o scuglione e m’aggio vuttato a cufaniell’. E stong’ pure appicciato, par nu ragno fellone dint’a tiella, tamente d’o cuott’ ‘e sole. Ce può cocere ddoje ove a occhio di bue. Cià nennè.

  5. crisalide77 ha detto:

    no no, non mi offendo mica. La birra va benissimo, la vodka la lasciamo agli highlander.
    Buon due giugno!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...