Il Vocaboletano – #24 – Paliatone

Il vocabolo di cui vi parlo stasera, mi è molto caro.
Anche perchè in questo periodo farei un bel paliatone a parecchie persone e son sicura che a meno che non abbiate abbracciato la dottrina di Gandhi, allora la penserete esattamente come me a tal riguardo, ci son momenti in cui le parole son davvero poca cosa, e allora rimangono bene poche alternative, e scatta quindi il paliatone.
I ricordi dell’infanzia legati a questo vocabolo, risalgono a tutte quelle volte in cui io facevo, o ero intenta a fare qualche danno e mia madre dopo avermi richiamato varie volte invano, allora urlava: “Marilù, se non la smetti ti faccio un paliatone che non ti credi e non ti pensi!” ossia, se non la smetti, dopo i vari richiami, prenderai le botte, botte di tal portata che neanche puoi immaginare.
Questa minaccia bastava a farmi bloccare immediatamente, qualsiasi cosa stessi facendo, la minaccia del paliatone ha sempre funzionato con me, o quasi sempre.
Ma analizziamo il termine PALIATONE, il cui significato è bastonatura, gran quantitativo di botte. È un accrescitivo di paliata, che deriva dal verbo paliare, ossia bastonare, legnare. La parola napoletana deriva a sua volta dal verbo spagnolo “apalear” che vuol dire, appunto, battere.
In una scena del film “Totò e i re di Roma” di Steno e Monicelli, il termine paliatone viene usato dallo stesso Totò per porre ad Alberto Sordi (nella veste di un antipaticissimo insegnante esaminatore) la specifica domanda: “E allora mi saprebbe dire che significhi la parola paliatone?”.
Nel film, il saccente maestro non sa rispondere e Totò gli spiega il significato del termine dandogli una dimostrazione pratica, che rende molto di più di mille parole.
Dato che comunque la pronuncia di paliatone è esattamente la stessa di come viene scritta la parola, vi risparmio per questa settimana la pronuncia audio e lascio a Totò la possibilità di darvi una spiegazione esemplare del termine <a href="http://“>paliatone.
Buona serata a tutti!

Annunci

47 thoughts on “Il Vocaboletano – #24 – Paliatone

  1. Franz ha detto:

    ah ah ah…adorabile parola e sana abitudine il paliatone! ah ah ah

  2. Rospo ha detto:

    Per certa gente non basta, qual è lo step successivo al paliatone?? E poi se paliatone è la bastonatura… le mazzate che sono??? Sono confuso… O_o

  3. Volevolaprinz ha detto:

    E quanti ne ho presi da bambino….maronn….

  4. Tati ha detto:

    E’ come il mio ” attenzione che accendo il muletto! ( e ti passo sopra!)”
    😀

  5. tiZ ha detto:

    Altro che PIsss end love…. più paliatoni per tutti !!!

  6. Transit ha detto:

    Una madre e anche un padre, dipende dalla loro autorità e credibilità, guardano una loro prole, prima calma e poi tutta ntustata di nervatura dice: -‘A pacienza è fernute, pirciò si mò nun te stai calma/o te faccio comm’ santu Lazzaro, insomma t’arrefilo ‘na sfaccimmma sang’ ra maronna ‘e mazziata (o mazziatone) …- Mazziatone che oltre essere visivo è anche assai sonoro, per cui, a livello religioso o pseudo tale si mischiano paganesimo e cristianesimo come spesso accade nelle classi sociali … meno abbienti…sarebbe a dicere i poveri o, una categoria a dette degli esperti di comunicazione, obsoleta, cioè sottoproletari e proletari, al cui interno il sacro e il profano la fa da “padrone”, ovvero le due facce, sacro e profano, della stessa medaglia.

    Però, Marilù è fatta ‘na cosa grave assai quando scrivi: …”vi risparmio per questa settimana la pronuncia audio e lascio a Totò la possibilità di darvi una spiegazione esemplare del termine.”

    Eh no, no , no Marilù hai fatto ‘na nfamità. Nuje apsettamm’ in religiosa poofanissima attesa ascoltare la tua voce e tu passa ‘a palla al grande Totò. Eh no, no, no. Un no senza se e senza ma.

    Sono tifoso e ammiratore sia di Troisi sia di Totò, ma però, con tutto il rispetto che nutro per il Principe De Curtis, stu tuorto, stamm’ quasi dint’A livella di Topò poeta, di non registrare la tua impareggiabile, corroborante, fresca e aulica voce nun ce l’aviva fa e pecchesto nun te perdono né mò e né mai. Mò stong’ acciso e mi trascino pe’ dint’e viche comme ll’acqua ‘e mare dint’e scogli.

    E m’arraccumann’ nun fa comme chilli giurnalist’ d’a televisione ca quann’ intervistano il parente più stretto di qualcuno ammazzato per strada da una macchina o da una moto che sfrecciava a trecento allora nelle vie del centro o ucciso per errore, subito chiedono:- Siete disposta/o a perdonare l’omicida.?-

    Marilù, stamm’ scumpagne e mort’: pe’ nuje sentì a voce toia è comme ll’acqua p’a campagna. Forse, si ce fai sentì ‘a voce toia facimmo pace.

    Ja, Marilù, facce sentì comm dice paliatone e pure mazziata e mazziaton’. Che te costa. Pure Troisi dint’a nu film guarda na cosa a disyza e dice:- Vien’, vien’ che te costa, ja vien’, nun tenè a capa tosta.-

  7. crisalide77 ha detto:

    ahaha e mi sa che devi aspettare altri due mercoledì, prima di risentirmi! resisti guagliò!

  8. Transit ha detto:

    Rospo, a chesta sprucita l’avimm’ appustià e ppo’ ‘a facimma nova nova finché nun ce conta tutt’o vocabolario d’a lengua napulitana:solo accussì ‘a perdunammo. E doppo, io e te, a turno, ‘a purtammo mbraccio … comme si fosse ‘a maronna ‘e ll’Arco … biscotti e chiattamma permettendo.

  9. Transit ha detto:

    Rospo, Ruspetiè nun c’a faccio cchiù, stong’ murenno ‘e pucundria. Essa, Marilù a s’arrecrià a mmare cu ‘e pacche dunt’a ll’aqua e nuje a suffruì ‘e pene ‘e ll’inferno in attesa d’a voce soia, semmai voce ‘ e notte. E nuje, ormai ne sapimmo quaccosa visto ca don Benedetto Croce dicette ca chesta è ‘na terra abitata di diavoli; i’ nun ce credevo, invece mò, avenn’ a che fa cu sta satanassa ‘e Marilù, ca sicuramente è l’incarnazione affatturata ‘e n’ata strega forse di Benevento o semmai chelle di Biancaneve e i sette nani, aggio capito ca aveva ragione don Benedetto. Rosputiè nuje c’avimma organizzà e di conseguenza avimma fa quaccosa di concreto. L’idea mia è chesta, liegge e pienz’ si te va a genio. Una di queste sere, verso le dieci o le undici direttamente a mezzanotte, quann’ a gente più o meno s’è addurmuta,i’ e te , ce appresentammo nzieme a n’orchestrina sott’a casa ‘e sta Devil cu ‘a gonna e faccimmo sunà ‘na serenata finché chella ca tutti quanti conoscono come Marilù, annummenata uocchie ‘e farfalla, nun se affaccia d’o balcone e ce fa sentì a melodia d’a voce soia. Che ne dici? Dimane a sera nun tengo nisciuno impegno, pirciò ce putimmo organizzà. Ruspetiè fammi sapere, o si no, vado solo, con i musicanti.

  10. Transit ha detto:

    Ro’, ma qualu principe e principe, c’avimm’ presentà comm’ c’hann fatto ‘e mame noste. Principi lo siamo già, in virtù ‘e stu sciore ‘e Marilù.

  11. Transit ha detto:

    Eh brava a essa:ci sfida, e ben ci stà. Continui però a tergiversare e a non registrare la tua dottrinaria escatologica volitiva e versatile(il timbro, il tono e la varietà) voce. Ja, registra tutt’o post. Sento che hai un futuro di attrice di teatro e di doppiatrice. Per cui qui non facciamo chiacchiere da bar dello sport.

  12. Transit ha detto:

    Ti anticipo come la gagliardia del sole a primavera che la mia voce è calda. E poi sono talmente bello che quando parlo con le donne me le ritrovo svenute ai mie piedi, e nonostante la semi coscienza in cui sono cadute, implorano che parli. Dopo di che svengono di nuovo e vogliono ardentemente essere rianimate bocca a bocca, le furbacchione. Con estrema circospezione, acconsento, E c’aggia fa, pozzo mai sperì? Beh, veniamo a noi, ci telefoniamo? Sappi, o mia deliziosa fan, che nell’ascoltare la mia voce soave incorri nel delirio e ‘a pucundria, nel senso che subito ne sentirai la mancanza mentre allieto padiglione e timpano delle tue bellissime orecchie. Cià, farfallona.

  13. Transit ha detto:

    Marilù, me scuradav ‘e te dicere ca pur’i’ quanno me guardo dint’o specchio, mentre me faccio ‘a barba, talmente che sono affascinato dalla mia voce, svengo. E spesso, scunucchiannem’ dint’a cosce, devo reggermi da qualche parte pecchè m’ trovo tutto scummato di sangue. Ja, pozzo i’ annanzo accussì? Ti prego, aiutami, sia quando dormo sia quando sono sveglio pecché ‘e vote nun saccio nemmeno io addò stongo: vien’ e sorreggimi, nun me fa spantecà(za zza zza:felicissima sera a tutt’ sti signure ncruvattate … è solo una digressione canoro musicale di vecchie diatribe indigene.)

  14. Transit ha detto:

    Marilù, Marilù scinne, ja scinne Marilù, Marilluuuuuuuuuuù scinne te vulevo dicere ca sta stu problema, cioè quanno me trovo io e na femmena e chell sven’ allora pozzo apparà ‘o fatto ca respirazione bocca a bocca, ma quanno ‘e femmene so’ ddoje riesco a sbruglià ‘a matassa, ma quanno ne songo tre quatt’ cinch e sei comme faccio? Acchiapp’ a una, pigli’a chesta, pogli’a chelle mentre chell’ati là sparpeteano nterra comme si fossen’ tarantolate o parent’ stretta d’a guagliuncella dint’a l’Esorcista. Tutto questo per la mia voce? Marilù, m’arraccumann’, si adda essere, nun venì cu mammeta, soreta e tre ati cumpagne de’ toie. Si svenite tutt’d cinc’o sei, comm’a metto nomme. Pe’ nun parlà d’o mazzo ‘e rose. Uno pe’ te ci esce, ma chill’ati cinc’, mica faccio ‘o sciurar’.

  15. Transit ha detto:

    e verimm’ si è o vero, … me fa svenì e quas’ quas’ murì. Allora aggio penzato stu fatto ca i’ mor’ nun è bbuono, pecché a roppo fernesce tutt’ cose. Appena me r’piglio, t’ scrivo. Tu però nun te movere e nun ascì d’a casa, nemmeno pe’ t’accattà (i balocchi) e i profumi conturbanti. Cià bellè!

  16. Transit ha detto:

    Si si, mò si.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...