Il Vocaboletano – 27# – o’ scuorno

Quante volte vi è capitato di provare vergogna in una determinata situazione? Eccovi servita la parola di stasera: o’scuorno! Ossia la vergogna!
Ma da dove deriva questo termine? L’etimologia affonderebbe le sue radici nel greco. La parola “scuorno” infatti deriverebbe dal vocabolo ellenico αισχύνομαι che vuole dire appunto “vergognarsi”.
Altre ipotesi invece, come quella di un linguista, fanno derivare questa parola dal verbo scornare, che a sua volta deriva dal vocabolo “corno”, con L’aggiunta di una “s” iniziale che ha un valore privativo ed indica la perdita di qualcosa, nello specifico la perdita della durezza del corno, il cui quindi significato è
“senza corno o corna” cioè “scornato”. Per comprendere meglio il legame tra l’avere “scuorno” e l’essere scornati possiamo pensare ai cervi, a quando lottano per conquistare il cuore di un esemplare femmina e si scontrano utilizzando le proprie corna. Il cervo che per primo viene privato di una delle corna, esce sconfitto dallo scontro e si ritira allontanandosi dal luogo del combattimento e dal resto dei cervi. Non avendo più una delle due corna quel cervo sarà identificato da tutti gli altri suoi simili come colui che ha subìto una sconfitta, in quanto si è dimostrato più debole del vittorioso avversario. Così come l’animale senza parte delle sue corna perde il rispetto dei suoi simili e viene per questo esiliato, così l’uomo che si deve mettere “scuorno” è sottoposto alla gogna pubblica.
Altri modi di dire legati a questa parola sono i seguenti:
S’e’ messo ‘o scuorno ‘n faccia (ha reso pubblica la sua vergogna)
Che scuorno! (Che vergogna!)
Ma non ti miette scuorno? (Ma non ti vergogni?)
Fa ‘a scurnusa: fa la vergognosa, ossia è colei che prova vergogna, ma ovviamente esiste anche il maschile, scurnuso che si riferisce all’uomo che prova vergogna, o imbarazzo.
Vi confesso che anche io mi sono messa scuorno a fare gli audio dei vocaboli napoletani e dei modi di dire, ma per diffondere l’idioma terronico ho superato lo scuorno e mi sono fatta sentire!
P.s. Grazie Gintoki per aver sopperito alla mia mancanza dello scorso mercoledì.
Buona serata a tutti!

Annunci

34 thoughts on “Il Vocaboletano – 27# – o’ scuorno

  1. Rospo ha detto:

    Ahah sono belli sti audio cosi, a ‘sto giro si sente una vena di divertimento. Comunque aggiungerei scornacchiato!

  2. Gintoki ha detto:

    Non avevo messo il like. Che scuorno!

  3. tiZ ha detto:

    in treno due donne : eh , chell’ fa verè che fa o scurnusa ma invece è na vrenzola !! -.-

    assolutamente devi continuare a fare gli audio !!!

  4. Transit ha detto:

    Sempre in treno o mmiez’a via: – Eh, chell’ fa verè, ma sotto sotto è ‘na zucculona. Fa finta, ma c’o vvò. Sapiss’ comm’ le piace Ninuccio e ‘o vino cu ‘a neve. –

    Questo commento non può finire così… per cui chiamo in causa Rospo ma non solo lui, poiché ci sono delle imprecisioni… Scurnacchiato non c’entra affato con scuorno, semmai scurnacchaito è in stretta relazione con cornuto.

    ‘O scurnacchiato è tale pecché, si dice, che nel momento in cui riceve le corna dalla propria fidanzata o dalla moglie, è nu scurnacchiato cuntento… insomma lui, ‘o scurnacchiato, sotto sotto e di nascosto, nonostante pubblicamente fa lo gnorri, le corne che riceve dalla partner non lo fanno in gelosire, per cui lui, ‘o scurnacchiato le corna se le tiene.
    Ecco che ‘o scurnacchiato non prova né in privato e né in pubblico, poiché fa orecchie da mercante, scuorno. E vive beato. Sulle ragioni che ‘o scurnacchiato non prova affatto scuorno possiamo fare almeno due ipotesi:1) E’ talmente innamorato della sua donna da un lato ha paura di perderla e dall’altro è un debole;2) Sotto sotto gode alle scorribande amorose della “propria” donna e forse a sera se la ridono insieme oppure, incoraggiandole e “dandogli” la mano.

    Il cornuto che è innanzitutto assai geloso è quello che davvero teme ‘o scurno d’essere tradito dalla “sua” donna e nel momento in cui lo scopre può certamente succedere il finimondo. E quasi sempre di cotte e di crude, ma forse più di crude: sfregio sulla faccia della donna(una volta andava di moda assai e si portava come segno distintivo sia per il maschi sia per la donna offesa dal taglio facciale), coltellate in ogni parte del corpo, ma senza finire la zoccola puttana traditrice(quando è il maschio a tradire più che altro è un vanto da raccontare in giro) e infine l’ammazzamento.

    Ah, probabilmente interverrò ancora … devo ancora ascoltare l’audio.

  5. Transit ha detto:

    Ja, MariIlù, mentri reciti e fattell’ ‘na resat’, pure pecché sta llà llà pe’ te scappa. Rid’, facc’ senti cu stà voce tonica, robusta, squillante e futuribile Luisa Conte, l’attrice dialettale napoletana. Ja miettet’ ‘a recità: vuttet’ sorè, ‘o tien’.

  6. Transit ha detto:

    Si, è come dici tu, però ‘o spragno nun è mai guadagno:pirciò allunga ‘o bror’ d’a cummedia … insomma, nu esser’ puricchiosa … nel senso della generosità e i’ penz ca tu tien’o core bbuono assaie. Secondo me putiss fa n’audio libro … per esempio Cinquanta sfumature di nero, di grigio, di rosso e pure cocozza(arancione) e tutt’o riset’ apprriess’ e mille culur’.

  7. Transit ha detto:

    tiZ w la vaiassa che alberga e dimora in te: però … addò sta ‘na vaiassa ce sta ‘na femmena ‘e cor’ … ca i potenti e i fetenti hanno semp’ pigliat’ p’o culo(oddio, p’o essere pure ca a essa le piace assaie stu fatto.)

  8. Transit ha detto:

    ‘O vino c’a neve piace a tutt’ quant’ e po’ se sape ca va a fernì dint’a cap’e morte … che in questo caso significa allungare la vita.

  9. Transit ha detto:

    Marilù, anzi Crisà, vabbuò meglio Marilù, comunque te facesse fa Emma Bovary, chella ca si era francese, però nun era ‘na subrett d’o cafè chantan, ma ‘na femmena comm’a tant’ate, però sognatrice e forse cchiù annanzo coi tempi in cui ha campato, tra l’latro annoiata e malinconia pecché, a vutann’ e girann’, a essa, a Emma le mancava ll’ammore sia chillo sentimentale e romantico e sia chillo carnale ca dint’o lietto te fa alluccà e supsirà, tutto fuoco e passione e amore mio dimmi che mi ami e amore mio dimmelo fino alla morte e compagnia bella … Ti propongo Emma Bovary pecché secondo me tu tien’a voce ma innanzitutto le gamma delle variazioni, modulazioni e toni di Emma … Se tu vedevi Emma era una come un altra però a distinguere in maniera forte e decisa ma anche dolce e sensuale era semplicemente la sua voce. Sentenn’ a voce toia i’ sento Emma Bovary, pirciò registra l’audio libro.
    E te pozzo assicurà ca m ‘o catt’ e te faccio pure ‘a pubblicità. Penzo ca me song’ mise a squadr’. Pe’ ‘na farfalla cu ll’uocchie pittata è ‘o minimo.

    • crisalide77 ha detto:

      in che senso t’e mise a squadr?
      non sapendolo, forse, ma percependolo, hai detto molte cose che corrispondono a me. Ci mancherebbe Emma era Emma..io sono una comune donna di 40, con disastri interiori di ogni genere. P.s. è bello leggerti e sto ancora aspettando una tua mail.

  10. Transit ha detto:

    Non sapevo che subrette ha lo stesso significa quando noi diciamo ‘o vino cu ‘a neve … che però, a dire la verità, trovo più immaginifico, romantico e sfizioso. Certo na subrette te fa penzà ‘o ballo, i fiori nel camerino dopo lo spettacolo e poi divertiemnto, risate e champagne ma ‘o vino cu ‘a neve è ‘na cosa d’e perzone normali comm’a nuje, e, chest’ su vulimm’ è cultura.
    P.S. Quando scrivesti la tua e mail, ti risposi, ma a questo punto non so perché non ti è giunta. Semmai vado a vedere nella posta inviata, dovrebbe stare ancora lì. A pelle, sapevo che potevo dirti cose di te, ma ‘a verità nun song né nu mago ‘e quatt’ sorde e né nu veggente. E sempe a pelle sent’ ca si simpatica, c’o majito probabilmente ancora ‘e cchiù. ‘O prossimo audio fatte quatte resate tipo Monica Vitti dintìa chillu film cu Alberto Sordi che lei si innamora di un altro e lui ncopp’a spiaggia ‘a jenca di mazzate: stu film l’aggio visto qualche juorno fa e me song’ fatte e cianche accussì d’e resate. Mò aggio ascì ‘nu mumento, tipo: vaco accatta ‘e sigarette … e po’ nun torno cchiù a casa.

  11. Transit ha detto:

    Ho ripescato e rinviato l’e mail che ti ho scritto giorni fa.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...