Il Vocaboletano – #32 – Il rattuso

Shock Anafilattico

L’estate sta finendo ma il caldo perdura e bisogna star più leggeri possibile col vestiario. Ma fate attenzione a non incontrare gli sguardi di un rattuso!

Riconoscerlo è facile. È colui che osserva con fare malizioso e libidinoso e non si fa scappare nessuna ragazza che entra nel suo campo visivo. Non è un semplice voyeur: pur potendo anche tramutarsi in un guardone, il rattuso non è interessato a spiare le attività sessuali altrui. A lui basta anche una apertura tra due bottoni di una camicetta per lanciare il suo sguardo telescopico da camaleonte e “godere della vista”.

Molto spesso al termine rattuso viene accostato l’aggettivo vecchio, perché molto spesso i rattusi sono uomini dai 50 in su che gettano un occhio sulle ragazze giovani. Non è inusitato però dare del rattuso anche a chi frequenta una ragazza più giovane, ad esempio un 30enne con una 18enne, sottolineando…

View original post 123 altre parole

Annunci

40 thoughts on “Il Vocaboletano – #32 – Il rattuso

  1. tiZ ha detto:

    ce l’ho , ce l’ho !! oddio forse c’ho proprio un bel po’ di doppioni 😉

  2. Transit ha detto:

    tiZ, ma tu comme t’ miett’?: 1)calze a rete; 2)sorriso finto innocenza;3)camicetta aderente che mentre respiri si schiattano tutti i bottoni; 4)minigonna è parete prossima del tanga;5)occhi luciferini;6)andatura ambigua e vestiario sadomaso con mascherina e frustino. Ah, dimenticavo, la voce, roca, e il sorriso di suora. Innocente e asessuato. E castità. Alla fine la sensualità deve pur sbucare da qualche anfratto.

  3. Transit ha detto:

    Sono sopra i 50 anni, quando vedo delle belle ragazze non disdegno di guardarle, anche se in maniera discreta e non sono ‘nu rattuso arrapato, certo la bellezza a volte mi fa sconocchiare, però poi proseguo per la mia strada e ciao; ciao non lo dico in faccia alla bella di turno come se le stessi facendo la corte, la quale, a volte non è nemmeno molto bella ma semmai intrigante. Piuttosto per me ‘o rattuso è quello che cerca ‘e s’ struscia ncopp’e carne dell’oggetto del desiderio. E quando è in amicizia ogni occasione è buona per ribadire il contatto: col fianco, col braccio, con una gamba, abbassando o avvicinando la testa a quella di lei, annusarla e di tanto in tanto metterle una mano sulla spalle, attorno alla vita, il dorso della mano che cerca di sfiorare quello di lei … Per me ‘o rattuso non è colui che guarda, a meno che lo sguardo non diventi minaccia o persistenza smaccatamente continua, altrimenti tutti, ma dico tutti noi, quando guardiamo con entusiasmo la natura e certi paesaggi di mare, di montagna e compagnia bella siamo tutti dei rattusi. Anche perché non si guarda la natura solo per ammirarla ma anche per possederla … attraverso gli atti notarle dell’acquisto proprietario o divenatndo possessori attraverso il sopruso, la violenza e l’omicidio.

  4. Transit ha detto:

    Tiz, sient’ ‘na cosa …mò pe’ nun sapè i fatti tuoi, si pe’ caso me trovo ‘a chelli parta d’a stazione e a via marina, sai comm’è giusto per farmi i conti in tasca, ma quant’ ti pigli? Chiaramente esclusi i copertoni … semmai t’ vengo a piglià a fine lavoro notturno e ce magnamm’ ‘na pizza fritta o i taralli e birra o nu moijto abbascio Mergellina.

    Ah, famm’ sapè pecchè chell’ati figliole ca stanno ncopp’o marciapiedi se mi vedono ca t’ carico si ingelosiscono e doppo sono guai pe’ tte e pe’ mme. Sai, mi preoccupo più per te che pe’ mme: va fernì ca pierd’o post. E con i tempi di crisi che corrono perdere ‘o post’ abbascia a stazione si perdono soldi c’a pala. E sinceramente parlanno è ‘nu peccato ‘e Ddio. E doppo te truov’ doje vote mmiez’a ‘na via. E p’a verità m’ gniagn’o core.

    M’arraccumann’ nun te scurdà ‘o tubetto d’e multivitamine. ‘Nu vaso azzeccuso comm’ ll’attak. C’aggia fa, song’ passionale, ma no rattuso.

    Ah, Tiz, solo mò aggio liggiuto che devi registrare la tua voce … secondo me, ansia o non ansia, essere o non essere, sicuramente tiene ‘na voce sensuale e, mi comprometto, pure arrapante. Pane al pane e vino al vino. E si ce stanno ‘e pummarullelle d’o piennelo e ‘o furmaggio piccante ‘o fatto è sapurito assaie.

  5. Transit ha detto:

    Marilù, è bell’ assaie ‘a rubrica sui mezzi pubblici: famm’ schiatt’ i cianchi.

  6. Transit ha detto:

    Tiz, 1) ‘o tiem’ ‘e na manera s’adda passà e se ti metti a scrivere e ‘a pazzià ‘o fatto è ancoro cchiù bell’, addirittura interessante;2)non voglio anticipare i tempi, ma dopo averne pubblicati un po’, se ne potrebbe ricavare un e book, addirittura se potrebbe scaturirne una piece teatrale. Secondo me Tiz e Marilù, tutt’e ddoje, ncopp’ a nu palcoscenico a recità ‘a rattusaggine che vi rincorre fussev’ ‘a ‘uerra … in questi tempi di guerre ridere intelligentemente partendo dal basso … nun è poca cosa.

    • tiZ ha detto:

      Vero, il teatro è proprio un treno live, la vita comune, le piccole cose che ci fanno ridere e riflettere. . Tutte quelle piccolezze a cui siamo abituati e che fanno ciò che siamo..
      Ma tu non vorrai stare a guardare? ? Ormai sei il nostro regista… non vorrai mica scappottartela?? Ormai sei compromesso !!!

  7. Transit ha detto:

    Ij’ ‘o ssapev: va semp’ ‘a fernì accussì. Già m’ veco assettato ncopp’a siggilulella con la scritta regista che allucco e sbraito a dirigere sti ddoje cap’ e carciffole di Marilù e Tiz cu chelli voce di sirene suadenti che tra un gag e l’latra cantano e recitano: Miss mia cara miss; Capitano mio capitano; Sirenetta ‘e Copenaghen ca ferma staje ma Ulisse te sent’.

    Tiz e Marilù(maronn comm’ accellera ‘o battito cardiaco chella u accentata) faciteme sentì nu duetto audio … e poichè temo che mi facete svenire mi assetto o mi sorreggo da qualche parte. Ja, registat’…

  8. Transit ha detto:

    Vabbuno accussì.

    • crisalide77 ha detto:

      per la tua gioia, ho fatto un nuovo post con tanto di audio! scuorno a go go!

      • Transit ha detto:

        Felicissimo, chest’ stev’ aspettanno. La mia gioia s’o sicuro al 100% è la tua, per cui condivido all’eventuale scuorn’: eppo’ le cose si fanno insieme, pecché è accussì ca s’ cresce. E … nun s’ fernesce maje ‘e crescere. Mò m’ vaco a delizià c’o post nuovo. Un bacio sulla fronte mentre le mie spire t’arravogliano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...