Il mantra di Biobà

Stamattina Biobà era proprio contento di rivedermi, saranno state due settimane che son stata assente e lui non mi ha risparmiato la cazziata di rito, con tanto di sorriso abbronzato, non da estate al mare, ma da lavoro.  Oggi il suo mantra recitava: vinit a verè ‘e parcoc ndo vin, ‘e parcoc ndo vin biobà!  e quì è necessaria una traduzione,  e vi chiedo scusa per la terribile performance della sottoscritta, ormai lo scuorno ha totalmente invaso ogni millimetro di me, vi assicuro che Biobà è molto più convincente di me, ma purtroppo oggi dovete accontentarvi della mia interpretazione. La traduzione esatta è: venite a vedere le pesche, di cui lui specifica le percoche, che sarebbero una qualità di pesche a pasta gialla, che di solito d’estate vengono tagliate a fette e messe nel vino rosso e in tal modo prendono il sapore del vino e diventano top100, almeno per me è cosi. Tornando al suo mantra, Biobà dicendo: venite a vedere le percoche nel vino, non vuole intendere che vi sta per vendere una brocca di vino rosso piena zeppa di pesche, ma vuole comunicarvi che quelle che vi offre oggi sono proprio le pesche gialle adatte al vino!  Se non siete campani, aimè farete fatica a comprendere il biobaletano, che è un idioma personalizzato dal fruttivendolo ambulante più simpatico che io conosca. Sono di parte? Un pochino sì, sarà che mi porta le banane acerbe che tanto mi piacciono, o che mi racconta sempre strani aneddoti della sua vita, o che sdrammatizza situazioni ed eventi della vita, difficili da digerire per qualsiasi altro. Ho pensato anche che la prossima volta che verrà, cercherò di registrare il suo mantra, che cambia sempre, a seconda della frutta o della verdura che ha a disposizione sull’ape car. Lui elenca al megafono i prodotti che ha portato in quell’occasione, ovviamente in dialetto, ne nomina due, al massimo tra alla volta ed usa un tono cantalenante, li ripete talmente tante volte che arrivi al punto che anche se non avevi intenzione di comprare nulla, ti viene la voglia di uscire a dare un’occhiata alla frutta che ha portato. Spesso mi fa provare la frutta, quando mi vede indecisa, magicamente spunta un coltello che è impilato sotto una cassetta e non so come fa a ricordarsi sempre quale cassetta sia, e mi taglia uno spicchio di mela o un’arancia e me li porge per farmeli assaggiare. Non so come la vedete voi, ma a me questo gesto mi fa sempre sorridere e pensare che ci vorrebbe un Biobà per ognuno di noi.

Annunci

22 thoughts on “Il mantra di Biobà

  1. vagoneidiota ha detto:

    Fantastica immagine.

  2. Transit ha detto:

    1)Uanema: ‘e percoche dint’ vino song’ o plusurt’, però a me m’ piaceno pure cu ‘o vino janch friddo, ma pure si stanno dint’ vino russ’ vabbuon’.

    2)Viva Biobà, anzi dincell’ si me mann’ ‘na cascetta ‘e percoche e pure sei butteglie ‘e vino: tre janch e tre rosse, di qualità e non vino puzzuttat’.

    3) Le tue diciture vanno bene, però … rispetto alle prime, cioè da quando le ascolto, ti sento alquanto legata e trattenuta … bella teatrante sciogliti, devi essere (cchiù)naturale coe quando te miett a tavola e ride e pazzie.

    4)Bell’ assaje stu rapporto antico ma umanissimo cu Biobà: e p’e antico intendo pure la bontà dei prodotti che vende.

    5) Nennè, salut’m Biobà cu na stretta di mano e ‘nu sorriso ‘e simpatia.

    6) No, decisamente nun te mettere scuorno d’a dicitura, lascia ca l’acqua di fonte scorra comm’ racconta ‘a natura: sciuoglie ‘a canella vide comm’ è cuntent’, pircio quann’ registr’ guarda a essa.

    7) Pare ca nun m’aggio scuradat’ niente …

    • tiZ ha detto:

      Eccolo è già entrato nella parte del regista !!! Mo volano i paccheri 😵

      Bello biobá : conserva tutta la nostra traduzione nella sua vendita teatrante… jamm belll Accattatavill !!!!

    • crisalide77 ha detto:

      non le ho mai mangiate col vino bianco, ma col rosso, d’estate son la regola. Biobà sarebbe sicuramente felicissimo di poterti procurare una cassetta di percoche, ma per quanto riguarda le bottiglie di vino, mi sa che lì avrebbe la mano tirata. Non mi sono accorta di essere più trattenuta e legata, ma grazie per avermelo fatto notare, cercherò di migliorare, ma il punto è che mi vergogno a registrare la voce, figurati in dialetto! Ma magari col tempo mi sciolgo, chissà. Anche a me piace tanto questo appuntamento con Biobà, ce ne fossero di persone come lui in giro, forse il mondo sorriderebbe di più. Comunque te lo saluto, lo vedrò martedì, con verdure annesse. E sul non mettermi scuorno, la vedo dura. Grazie per aver detto la tua! Non sei mai banale.

  3. Transit ha detto:

    Coom’ addò sto? Sto ccà(ij sto vicino a te … canta Pinuccio), imperituro e azzeccato ‘e carne voste … cu ‘o vino friddo, pure si nun è chello ‘e Biobà ca tene ‘a manella tirata. Marilù però isso sap’ chi è ca ‘a chelli parte tene ‘o sciurupp’ bbuono o l’aceto pe’ lavà ‘e piatte ca feten’ d’ov. Tiz l’idea nun è malamente chella di andare andare assieme da Biobà e Marilù, però ‘o regista nun po’ fa stu scrasto di andare annanzo e areto … ‘o regista le po’ venì pure ‘a scimma ‘e scirocco quann’ ll’attrice nun song’ ancora scafate: insomma nun vo’ perdere tiempo. Però, ‘o regista, che si chiama Alter Ego, mi ha detto che ha preso la cotta(‘o tiempo dell’adolescenza, ma secondo me a causa del caldo eccessivo ca le ghiuto ncap’) sia pe’ Marilù ca per Tiz e chistu fatto nun va bbuono pecché aroppo succedeno gli appiccichi, gli strascini per i capelli, le vaiassate e le iastemme e le maleparole. A chistu punto, dice ‘o regista, è meglio allestire ‘na sceneggiata … salerno(paese del salernitano)napolitana … forse ci caliamo di più nei personaggi.

  4. Transit ha detto:

    Ua, Tiz hai ‘ngarrato, figurati ca spisso aggio penzato di scrivere … un post solo di maleperole … ‘o sang’ chiamm’ ‘o sang’.

    ‘E vota e m’addumanno pecché nun fanno, a livello teatrale n’ata vota ‘a Gatta cenerentola?
    Tiz e Marilù ij’ comme regista ve mettesse ‘nziem a chell’ati tre vaiasse stuppagliose puiase culo ‘e chianell’ cachere lumaggiorn’ … ah che bella sunata e canzona.

  5. Transit ha detto:

    ‘O tripp mio è ‘a vita: i suoi momenti spezzettati, i sentimenti che l’attraversano, o riest’ so’ parole. Ogni persona è ‘na lastra, ‘na pioggia, ‘na lenza ‘e sole, ll’impermeabile ca te fa ‘nfonnere ‘o stesso; ‘na serata chin’e stelle, ‘a sensazione ‘e nu mumento, e tu: Marilù(ua, fa pure ‘a rim’. Che vuo’ ‘e cchiù! Tiè Marilù(quann’ pronuncio stu nomme pure soltanto dint’a capa mia mentre scrive m’ piace assaje ma proprio assaje)pe’ tte ce sta pure ‘nu moijto ca aggiò accattato mentre turnavo a casa e messo dint’o frigorifero. Nun me cride c’aggio fatto sta spesa eh? -Vien’, vien’ pigliat’ ‘o perdon’ e sciruppet’ ‘o moijto – dice Conte di Gomorra.

  6. ilgattosyl ha detto:

    ormai sei diventata un’esperta di lingue 😉 (che detta così….)

  7. Transit ha detto:

    @Crì, semmai penz’ ca stongo tropp’ aint, però poiché song’ buon’ ‘e core e anche solidale e tu ‘a for’, mmiscamm’ e cart’ e facimm’c ‘na scopa … nel senso di tavolino verde e gioco delle carte … ce jucamm ‘a birra cu i taralli ‘o ‘nu mojito.

    @Gattosil che vuo’ dicere che Crisalide è una lingua biforcuta, linguacciuta, polliglotta o tutto sommato ‘na meza lengua che però tiene la laura e la testa sulle spalle?

  8. Transit ha detto:

    A lume di candela e di là il mare.

  9. TADS ha detto:

    le percoche nel vino rosso sono una leccornia 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...