Cosmopolis

imagesR9CKLD3Y

“Il futuro è sempre qualcosa di integro e uniforme. Nel futuro saremo tutti alti e felici, – disse lei. – Ecco perchè il futuro fallisce. Fallisce sempre. Non potrà mai essere il luogo crudele e felice in cui vogliamo trasformarlo.” pg 79

In Cosmopolis Delillo offre saggio della sua limpida capacità di creare e ricreare mondi. Il libro, all’apparenza snello, è invece denso e multiforme.
Scrittura postmoderna direbbe qualcuno. Oppure molto di più. Sembrerebbe Delillo abbia lavorato per sottrazione, inserendo scarni ma ramificati periodi che tracciano, come un
delta di un fiume, numerosi percorsi e sottotracce. Ci sono frasi beffarde che nella loro ineffabile bellezza rimangono cristallizzate in attesa di essere riscoperte. Ci sono spunti di riflessioni lanciati come coltelli roteanti. Ci sono ipotesi e suggestioni, ci sono manie e pericolosi abissi aperti sul nulla. C’è il nulla appunto che rivaleggia col tutto. Ed il tutto è stanco, vuoto e già visto. Il nulla è affascinante, invitante e trasgressivo. Ci sono tutte le sensazioni, anche quelle mai provate e da provare. Ci sono cortocircuiti mentali ed ossimori a cui non c’è scampo. Ci sono koan, ci sono stranezze ed inestricabili percorsi fra sinapsi. E’ una lettura che non lascia indifferenti.
Il libro scava, non offre facili certezze, insinua molti dubbi e perplessità.
E’ davvero questo tutto quello che siamo riusciti a fare?
Una città-mondo pronta a collassare?

Fabry

Ringrazio il mio amico Fabry per il suo contributo al mio blog e non solo per questo, lui lo sa.

Annunci

Trilobiti 199# Nessuna rabbia

de lillo's

Troppa ironia, troppa vanità, troppo poco di, come dire, di un sacco di cose. E nessuna rabbia, capisci. Una piccola rabbia da unghia incarnata, un’insignificante frustrazione. Alla fine arrivi a capire queste cose. Che bisogna fare? Agire in base ai principi? Oppure individuare ragioni che giustifichino il tuo cattivo comportamento?

tratto da Underworld di Don DeLillo

Trilobiti 176# Cosmopolis

DeLillo[5]

Perché oggi il tempo è un bene aziendale. Appartiene al sistema del libero mercato. Il presente è più difficile da trovare. Lo stanno risucchiando fuori dal mondo per fare posto a un futuro di mercati incontrollati ed enormi potenziali di investimento. Il futuro diventa insistente. Ecco perché presto accadrà qualcosa, forse oggi stesso, – disse la donna, guardandosi furtivamente le mani. – Per correggere l’accelerazione del tempo. Per riportare la natura alla normalità, più o meno.

Don DeLillo – Cosmopolis