Milk and Honey

 

Gold and silver is the autumn
Soft and tender are her skies
Yes and no are the answers
Written in my true love’s eyes

Autumn’s leaving and winter’s coming
I think that I’ll be moving along
I’ve got to leave her and find another
I’ve got to sing my heart’s true song

Round and round the burning circle
All the seasons: one, two, and three
Autumn leaves and then there winter
Spring is born and wanders free

Gold and silver burns my autumns
All too soon they’d fade and die
And then I’d know, there’d be no others
Milk and honey were their lies

Annunci

Rainy Tuesday

rainy-day-clip-art-pinterest-snoopy-rainy-days-and-woodstock-rwiadp-clipart

Dopo la neve non poteva mancare la pioggia, un tempo adatto allo stato d’animo che ha messo le tende in me. Almo e Frida da tre giorni sono nella stessa posizione,completamente immobili, quindi: o sono entrati finalmente in letargo, o sono morti stecchiti! Ma come escono dal letargo? me le ritroverò entrambe un giorno che balleranno e canteranno YMCA dei village people? Non mi resta altro che aspettare che finisca l’inverno per saperlo, o attendere un loro impercettibile movimento. Son due giorni che tento di andare in farmacia, ma ogni volta c’è una fila lunga fino fuori la porta, allora desisto e penso che il mio mal di testa può aspettare, non so invece se  l’anima può aspettare ancora, ma è meglio non pensarci adesso. Lasciamo che i pensieri scivolino via insieme a questo martedì che sta finendo.

I never saw moons knew the meaning of the sea

I never felt magic crazy as this

è così che si chiude questo giorno..
con queste note, con i pensieri un pò più rilassati, come la fronte che smette di essere corrucciata.
Occhi stanchi, rivolti verso un dentro che a volte bisognerebbe sprangare per non farsi risucchiare nei vari buchi sparpagliati in me, in cui troppo spesso inizio a riconoscermi davvero, almeno in alcuni di essi, succede.
Un anno fa stavo per iniziare un nuovo viaggio, aprendo questo blog.
Mi sono cimentata in questa avventura in un periodo pesantissimo per me, e posso dire che iniziare a mettere un mattoncino alla volta per costruire questo spazio mio e di tutti quelli che si sono affacciati sul mio mondo e che han condiviso, spesso partecipando, dando una parte di se stessi, bè posso dire ora, a distanza di un anno, (e ne son successe di cose durante questo arco di tempo), che è bello poter avere questo angolo, in cui poter essere ancora un pò più “me” di quanto non lo sia di solito, visto che sono abbastanza eremita e spesso penso che non sia un male neppure questo, a parte il disabituarmi alle persone.
Cercherò di ritornare ad essere più presente, sul blog, sempre se riesco a superare i “bassi risucchianti” e a riconoscere la mia voce in mezzo al delirio starnazzante.
cercherò quindi di essere più presente quì, ma
soprattutto a me stessa..nel caso vi foste accorti che mi ero persa, chissà dove..in questi mesi.
Dolce notte a chi è nei paraggi.
Marilù